Servizi legali presso i Fori di Siena, Livorno, Firenze, Arezzo, Prato, Lucca, Pistoia, Grosseto, Pisa e Perugia

phone iconDott. Daniela Staffiere 3713140942
divider

separator

Agenzia di disbrigo pratiche legali per richiesta mutuo

/ 0 Comments /

Devi stipulare il mutuo per acquistare casa?

Noi andiamo per te presso il Comune a richiedere tutta la documentazione necessaria!

Andiamo anche presso il Catasto e la Conservatoria per la documentazione necessaria anche all’acquisto!

Ogni richiedente o garante dovrà consegnare copia del proprio documento di identità e del tesserino di codice fiscale. Così potrà essere chiaramente identificato e inserito nella anagrafica dalla banca.

Poi serviranno alcuni certificati, ovvero:

  • Certificato di residenza. Indica la residenza e la data di immigrazione nel Comune, rivelandosi utile per le ricerche sui protesti. Esse infatti individuano il debitore insolvente sulla base di nome, cognome e indirizzo di residenza.
  • Certificato storico di residenza. Viene richiesto solo in caso di rilevazione di omonimi protestati, per capire se si tratta semplicemente di persone diverse con lo stesso nome. Viene rilasciato dai Comuni in cui si risiedeva nel periodo precedente a quello in cui è maturato il protesto.
  • Certificato dello Stato di Famiglia. Rivela la presenza di soggetti a carico e trasmette un’idea generale della situazione familiare.
  • Certificato di Stato Libero. Conferma l’inesistenza di vincoli coniugali.
  • Certificato di Nascita. Era richiesto un tempo dagli istituti di credito fondiario. Solo alcune banche continuano a pretenderlo.
  • Estratto per riassunto dell’Atto di Matrimonio. Viene richiesto dalla banca, ma anche dal notaio, per verificare se si è scelto il regime della comunione o della separazione dei beni. Può essere rilasciato solo dal Comune in cui si è contratto matrimonio.

I liberi professionisti dovranno produrre il Certificato di Iscrizione all’Albo (ma il più delle volte la banca si accontenterà di una copia del tesserino di iscrizione), mentre ai lavoratori autonomi verrà richiesto un Certificato di Iscrizione alla Camera di Commercio.

A differenza delle Pubbliche Amministrazioni le banche non accettano autocertificazioni di sorta, nel timore che l’esigenza finanziaria incoraggi gli interessati a rendere dichiarazioni false o incomplete.

separator